Daimoku di pratica, Daimoku di fede  

Nell'autunno del 1996, il signor T., che era sui quaranta, passò per un intervento per un tumore nel cervello. I chirurghi non poterono rimuovere tutto il tumore. Sua moglie entrò a far parte della SGI nella speranza che suo marito si ristabilisse velocemente.  

Nell'estate del 1997, i mal di testa e le nausee del signor T. peggiorarono e iniziò a avere convulsioni costanti.  

I dottori dissero alla signora T. che, sebbene il tumore non si fosse sparso, aveva questi sintomi perché aveva troppa acqua nel suo cervello e che era necessario un altro intervento per rimuovere il liquido. Il signor T. poteva appena camminare e poteva appena emettere suoni sconnessi.  

La signora T. disse al suo responsabile di distretto che aveva recitato Daimoku per un anno per il miglioramento del suo marito, ma che non migliorava. Il responsabile di distretto parlò con un membro della divisione delle infermiere. L'infermiera disse: "Il fatto che il tumore non si sia sparso è già un beneficio del Daimoku. Questo è già notevole. Le domande della signora T. se lui starà effettivamente bene, e se le sue preghiere funzionano, sono semplicemente barriere che ha creato nella propria vita. Ma non c'è barriera, non c'è limite, al grande potere del Daimoku. Adesso è il momento in cui deve offrire una forte preghiera! È una questione di superare qualsiasi sensazione di confusione o di dubbio, e offrire delle preghiere a cuore aperto con la maggior determinazione possibile e con una grande messa a fuoco. Deve pregare in modo di mandare un "raggio" di Daimoku all'area malata.  

Quando il responsabile di distretto le disse quello che l'infermiera aveva raccontato, la signora T. divenne ancora più forte. Quella sera, ci fu un cambiamento nella situazione del signor T. Da un momento all'altro iniziò a produrre più urina e un filo costante di lacrime e di muco iniziò a uscire dai suoi occhi e dal naso così tanto che il suo cuscino divenne fradicio.  

Questo continuò per tre giorni. Nel quarto giorno, manifestò sintomi strabilianti di miglioramento. Riuscì a chiacchierare con i membri della sua famiglia e a camminare da solo. I dottori furono sorpresi dal cambiamento della sua condizione e gli fecero altri esami. Conclusero che era completamente a posto e che non c'era bisogno di un altro intervento.  

Il signor T. si ristabilì completamente. Vedendo questo, suo figlio, che era in seconda media, disse: "il Daimoku è incredibile! Voglio entrare nella Soka Gakkai anch'io. Voglio iniziare adesso." Convinse anche sua sorella, ancora nelle elementari, a praticare il Buddismo, e tutt'e due entrarno insieme nella Soka Gakkai. 

[Quest'esperienza è citata nel "Living Buddhism" di ottobre, pp. 27-29. Fà parte del "Dialogue on the Lotus Sutra" (Dialogo sul Sutra del Loto).]